Le spiagge più belle d’Italia

| Pagina 1 | Pagina 2 | Pagina 3 | Pagina 4 | Pagina 5 |


Cala del Gesso, Monte Argentario (GR) / Toscana

Una meraviglia dell’Argentario chiude il nostro articolo sulle spiagge più belle d’Italia 2018. Si chiama Cala del Gesso ed è una delle spiagge più belle della Toscana, un paradiso nascosto che che vi farà innamorare al primo sguardo e… al primo tuffo! Raggiungerla via terra sarà un’ardua impresa, ma sarete pienamente ricompensati quando tutt’a un tratto spunterà sotto i vostri occhi una caletta turchese macchiata di blu. Allora puntate la sveglia presto, fate il pieno di energia e indossate scarpe comode perché la via è lunga e tortuosa: da Porto Santo Stefano percorrete la strada panoramica, prendete per Via dei Pionieri e al di là di un cancello con passaggio pedonale iniziate la discesa a mare attraverso un faticoso sentiero nella natura. La spiaggia di piccoli ciottoli è completamente selvaggia, non dimenticate acqua, cibo e una buona dose di avventura!


Tonnarella dell’Uzzo, Riserva Naturale dello Zingaro (TP) / Sicilia
Greci e Latini la chiamarono "Cetaria" per la grande quantità di tonni nel suo mare. Noi la vogliamo ribattezzare "meraviglia" per le sue acque cristalline, tra le più belle d’Italia. Stiamo parlando della meravigliosa Riserva Naturale dello Zingaro, quel tratto di costa siciliano che per 7 km si estende da San Vito lo Capo a Castellammare del Golfo. Un tripudio di piante e fiori per una natura incontaminata abitata da animali selvaggi e affacciata sul blu del mare della Sicilia. Una delle sue cale più spettacolari, leggendarie e affollate per via della sua bellezza è Tonnarella dell’Uzzo: la spiaggia bianca si raggiunge in soli 15 minuti di auto da San Vito e una volta arrivati alla biglietteria della riserva si scende a mare con pochi passi a piedi. L’entrata è a pagamento: 5€ intero, 3€ ridotto.


Cala dei Gabbiani, Costa di Baunei (OG) / Sardegna
La sarda Cala dei Gabbiani è ancora poco conosciuta, oscurata dalla fama della vicina Cala Mariolu, eppure non è altro che il suo naturale proseguo verso sud. Ecco che allora, anche in questo tratto di spiaggia, si ritrovano le stesse incredibili caratteristiche: un’acqua cristallina sfumata di verde e di blu, una scogliera levigata dal tempo e un lido di sassolini bianchi. Il suo nome deriva dalla presenza dei gabbiani, che all’imbrunire vi trovano rifugio per poi lasciarla libera durante le ore di pesca diurne. Cala Gabbiani si trova in Ogliastra e si raggiunge in due modi: via mare con imbarcazioni private o con i natanti che ogni giorno partono dal Golfo di Orosei, dai porti di Cala Gonone, Arbatax e S. Maria Navarrese, oppure a piedi percorrendo un impegnativo sentiero di trekking.


Cala Feola, Ponza (LT) / Lazio

Preparatevi alla gran folla quotidiana (soprattutto ad agosto) ma, una volta assicurato il vostro piccolo fazzoletto di sabbia, ne vedrete delle belle, a partire dalle meravigliose piscine naturali che si trovano nei suoi dintorni. Stiamo parlando di Cala Feola, il fortunato lido di Ponza, un’isola-gioiello a due passi da Roma. La caletta, situata in località Le Forna, è raggiungibile sia a piedi se soggiornate all’altezza di Le Forna-Chiesa, percorrendo un sentiero di circa 15 minuti, sia in barca, che con l’auto. L’isola mette a disposizione un servizio navetta ma ovviamente dovrete farvi spazio anche sul mezzo pubblico e, una volta arrivati, scendere delle scalette per poi godere della suo mare limpido e della sua sabbia bianca. Con un dolce fondale, è l’ideale per i bambini!


Marina Grande, Positano (SA) / Campania
Ce ne sono di belle spiagge a Positano, eccome, ma questa è decisamente la più amata da positanesi, vip e turisti, vuoi per la sua mondanità accesa, vuoi per il suo scenario da favola caratterizzato da una miriade di casette variopinte – quelle tipiche della Costiera Amalfitana. Marina Grande si allunga per circa 300 metri sul tratto di costa a sud della cittadina ed è perfetta per bagni di sole stile anni Sessanta e aperitivi al tramonto: non mancano stabilimenti balneari e locali notturni. Particolare non è solo la location, ma anche la sabbia, scura e di ciottoli, magicamente affacciata sulle isole Li Galli. Da qui, partite per un’escursione alle isole Gallo Lungo, Rotonda e Castelluccio e a quelle delle Sirene, oggi protette dalla Riserva Marina di Punta Campanella.


Spiaggia di Capo Graziano, Filicudi, Eolie (ME) / Sicilia
Le Eolie stregano. Ogni caletta di questo arcipelago incanta con i colori e i profumi di uno degli angoli di mare più belli d’Italia. Se cercate una vacanza di mare rilassante e lontana dal turismo di massa vi consigliamo di fare un salto nella piccola e rigogliosa Filicudi, e magari piantare l’ombrellone sulla lunga Spiaggia di Capo Graziano, la più bella sull’isola secondo i viaggiatori da tutto il mondo che hanno avuto la fortuna di visitarla. La fantastica spiaggia di Filicudi si trova sull’estremità più meridionale dell’isola, ed è facilmente riconoscibile per la mezzaluna di ciottoli chiari e per il mare trasparente dal fascino caraibico. A dominare il litorale, l’inconfondibile profilo di Monte Graziano, con il villaggio omonimo, dal quale parte un sentiero che scende a mare.


Spiaggia di Torre Sant’Andrea, Melendugno (LE) / Puglia

Il Salento non può assolutamente mancare nella nostra classifica sulle Spiagge più belle d’Italia 2017. Ma qui vi presentiamo un Salento più discreto, dove alla sabbia trionfa la roccia, per uno spettacolo che prende il nome di Faraglioni di Torre Sant’Andrea. Ci troviamo presso Melendugno, nel bel tratto di costa compreso tra Baia dei Turchi e Torre dell’Orso. Proprio qui, tra queste spiagge, si trova una meraviglia della natura: è possibile nuotare – grazie a uno sbocco a mare dove si scende per una decina di metri – fino a raggiungere una piattaforma naturale di pietra. In alternativa alle rocce, fatte tappa sulla spiaggetta situata proprio al centro del piccolo centro di Torre Sant’Andrea, che funge anche da porticciolo per le barchette dei pescatori locali.


| Pagina 1 | Pagina 2 | Pagina 3 | Pagina 4 | Pagina 5 |